Argomentario

Sebbene oggi l’elettricità sia già troppo poca e fin troppo costosa, la legge federale sugli obiettivi di protezione del clima vuole vietare l’uso di olio da riscaldamento, gas, diesel e benzina quali fonti energetiche. Il riscaldamento e la circolazione stradale sarebbero possibili solo con l’elettricità. Ciò significa un aumento massiccio del fabbisogno di energia elettrica e dei relativi costi! Il paesaggio svizzero sarà tappezzato di pannelli solari e turbine eoliche. Tuttavia, la fornitura di sufficiente energia elettrica in inverno sarà tutt’altro che garantita. 

Ancora meno elettricità:

La nuova pericolosa legge sulla protezione del clima è in realtà una «legge divoratrice di elettricità». Il gasolio per riscaldamento, la benzina, il diesel e il gas saranno vietati. Il risultato? Il consumo di corrente elettrica aumenterà in modo massiccio. Il riscaldamento e la circolazione stradale saranno possibili solo con l’elettricità. Tutto ciò senza tener conto che già oggi non abbiamo sufficiente elettricità!

Esplosione dei costi dell’elettricità:

La nuova pericolosa legge sulla protezione del clima moltiplicherà il consumo di corrente elettrica entro il 2050. I prezzi continueranno a gonfiarsi di fronte alla crescente domanda e alla conseguente scarsità di energia elettrica. Una sufficiente fornitura di elettricità diverrà un lusso per i pochi ricchi e le industrie dovranno delocalizzare la propria produzione all’estero. Le conseguenze: disoccupazione, impoverimento e disordini sociali.

Una dismissione senza un piano:

Il centro-sinistra vuole bandire i combustibili fossili come il gasolio da riscaldamento, la benzina, il diesel e il gas entro il 2050 per raggiungere l’obbiettivo delle «zero emissioni». Ciò, senza avere un piano su come produrre contemporaneamente una quantità sufficiente di elettricità indigena e a prezzi accessibili per tutti noi.

Un costo da 347 miliardi:

La prevista riorganizzazione dell’approvvigionamento energetico comporterà una spesa stimata di 347 miliardi di franchi svizzeri – come minimo! A pagare saranno i proprietari di case e gli inquilini, gli automobilisti, i camionisti e i motociclisti, le famiglie, le imprese, insomma tutti noi! Le irresponsabili politiche utopiche del centro-sinistra continueranno a costare centinaia di miliardi di Franchi, anche quando i politici che ne sono responsabili saranno da tempo usciti di scena!

Misure di rieducazione:

La nuova pericolosa legge sulla protezione del clima consentirà l’introduzione delle misure più estreme senza alcun diritto di codecisione: divieto di viaggiare in aereo, restrizioni sul consumo di carne, divieto di riscaldare a gas e a petrolio, divieto di circolazione per le auto a diesel e a benzina e obbligo di installare costosi pannelli solari.

Poteri anti democratici:

Inoltre, la nuova pericolosa legge sulla protezione del clima consentirà al Consiglio Federale di emanare normative in completa autonomia al fine di raggiungere l’obbiettivo delle «zero emissioni» entro il 2050. Ad esempio, regolamenti per l’isolamento delle facciate e dei tetti delle vecchie case o ordinanze obbligatorie per l’equipaggiamento dei tetti di tutte le case con pannelli solari. Oppure il divieto di utilizzare motori diesel e a benzina. Tutto ciò mina il federalismo e aggira la democrazia diretta. Il Popolo non potrà più esprimersi!

Indirizzo

Comitato contro la legge divoratrice di elettricità
Casella postale 54
8416 Flaach

Social Media